Efedrina per Dimagrire

Cos’è l’efedrina e qual è il suo apporto per dimagrire?

L’efedrina è un protoalcaloide (con struttura chimica simile alle anfetamine) che deriva dalle piante del genere Efedra, sostanza conosciuta ed utilizzata nella medicina tradizionale cinese e di alcune altre popolazioni asiatiche.
In passato l’efedrina veniva usata piuttosto spesso dalla medicina occidentale per la cura dell’asma e come decongestionante nasale, o come cura (per via endovenosa) di stati ipotensivi, ma al giorno d’oggi questa sostanza viene usata sempre meno.

Attualmente l’efedrina è spesso contenuta in prodotti da banco per dimagrire, perché ha un’azione stimolante, aiuta a ridurre l’appetito, aumenta la concentrazione, accelera il metabolismo e così via. Le dosi possono variare e quindi l’effettiva efficacia di queste sostanze nei prodotti per dimagrire è da dimostrare. In realtà, l’efedrina è altamente sconsigliata per i suoi effetti collaterali, visto che con l’aumento della pressione saguigna può causare irrequietezza, nervosismo, insonnia fino a conseguenze estreme quali ictus ed infarto.

È significativo che la Food and Drug Administration americana abbia vietato la vendita di supplementi dietetici contenenti efedrina e che in ambito sportivo questa sostanza sia considerata dopante, appunto per i suoi effetti stimolanti.

Quindi alla domanda se l’efedrina sia un valido metodo per dimagrire si tende a rispondere che essa è sconsigliata per i suoi effetti collaterali che possono essere molto dannosi per la salute. È meglio quindi pensare a metodi più naturali per dimagrire, quali una buona dieta ipocalorica, molta e regolare attività fisica ed eventualmente con l’aiuto di integratori per dimagrire a base di ingredienti naturali, ma sempre e comunque in abbinamento alla dieta e all’esercizio fisico.